OSSERVATORIO MIGRANTI BASILICATA
 
REPORT Luglio 2010  
 
Ieri a Palazzo San Gervasio, nel totale silenzio della nostra giunta comunale, è venuto il COMITATO PARLAMENTARE DI CONTROLLO SULL'ATTUAZIONE DELL'ACCORDO DI SCHENGEN, DI VIGILANZA SULL'ATTIVITÀ DI EUROPOL, DI CONTROLLO E VIGILANZA IN MATERIA DI IMMIGRAZIONE, presieduto da BONIVER Margherita, con STRIZZOLO Ivano del PD e TADDEI Vincenzo del PDL eletto in Basilicata.
Il Comitato ha fatto una ricognizione e sopralluoghi al Campo di Accoglienza di Palazzo San Gervasio, ha ascoltato nella mattinata il Sindaco e alcuni amministratori e poi ha conferito in un dibattito molto libero, assieme alle forze dell’ordine, al prefetto di Potenza, al direttore dell’Ispettorato del Lavoro, all’Assessore Regionale e al presidente della Commissione Immigrazione Regionale su quelli che sono e sono stati gli aspetti e le criticità della problematica legata ai lavoratori stagionali.
E già nella mattinata si sono evidenziate le “incomprensioni” palese tra il Sindaco e la Regione su quello che deve essere l’accoglienza per questo anno ponendo in rilievo la possibilità di una gestione non più comunale ma che passa attraverso la nomina di un Commissario ad acta da parte della regione.
In mattinata dopo varie peripezie e richieste fatte al prefetto, l’Osservatorio Migranti Basilicata ha chiesto di essere ascoltato, cosa che gli è stata concessa nell’udienza pomeridiana.
Al pomeriggio sono intervenuti le associazioni di volontariato, di categoria con la totale assenza di quelle di parte padronale, con l’eccezione della sola ALPA. Sono intervenuti gli imprenditori locali ed infine l’OMB che visto l’orario e gli interventi precedenti nella quale si è detto di tutto l’OMB si è limitato a lanciare un appello alle autorità affinché si risolvesse nei migliori deimodi le vicende anche giudiziarie di 45 lavoratori, cacciati dal Campo di Accoglienza ad inizio maggio e che oggi vivono ancora in quella che ormai tutti chiamano scherzosamente la Grotta Paradiso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.