21/06/2011 12:34

BAS“Anche quest'anno si arriva tardi e male organizzati ad affrontare l'arrivo dei lavoratori immigrati impegnati nella raccolta del pomodoro nelle campagne di Palazzo San Gervasio”. Lo ha detto stamane il segretario generale della Fai Cisl Basilicata, Antonio Lapadula, commentando l'esito della riunione tra Regione Basilicata, Provincia di Potenza e Comune di Palazzo. “Le due ipotesi vagliate, un nuovo campo nell'ex tabacchificio e un progetto di ospitalità diffusa, sono sulla carta ipotesi percorribili, ma a giocare contro è anche questa volta il tempo. Al momento la soluzione più pratica potrebbe essere quella di un nuovo campo attrezzato, mentre la soluzione di destinare ad accoglienza le case sfitte del centro storico di Palazzo appare remota e difficilmente realizzabile in tempi rapidi, anche per le oggettive difficoltà nella individuazione delle abitazioni”. Per Lapadula “sarebbe stato opportuno coinvolgere nella discussione anche il sindacato che sul tema specifico si è speso con continue sollecitazioni e proposte in tempi non sospetti al fine di arrivare ad una soluzione concreta del problema che fosse rispettosa della dignità dei lavoratori che annualmente si riversano in Basilicata nella stagione dei raccolti”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.