Report 11 Sett. 2011 Ritorno Volontario, sotto la Scure del Ministro Maroni

   Si lavora poco… La pioggia non viene giù come nelle passate stagioni di raccolta. Tutti sono con il naso all'in sù sperando in qualche goccia che tenga ferme le macchine raccoglitrici. Ma ormai si pensa al dopo, a Rosarno, a Metaponto.

Ieri (10 sett) siamo stai nei casali a consegnare altri 32 materassi e una ventina di coperte. Siamo stati a Boreano dopo aver coordinato e guidato la cisterna dell'acqua potabile verso i casali "sopra la grotta paradiso" non ancora raggiunta da questa.

Abbiamo continatio ad affiggere i manifestini dell'OMB che danno informazioni utili sull'uso del territorio e numeri utili di uffici pubblici del Comune di Palazzzo San Gervasio assieme a quelli del Rimpatrio Volontario (NIRVA).

Quest'ultimo è un progetto finanziato dalla Comunità Europea e diretto dal Ministero dell'Interno assieme all'OIM, organizzazione internazionale che si occupa di migranti e AICRE, associazione delle regioni d'Europa.

Molte le domande e l'attenzione prestata a questo progetto ormai ridotto a vana speranza di aiuto per i migranti.

Il progetto Nirva in passato era sotto il ministero delle Pari Opportunità, oggi è invece sotto il Ministero dell'Interno perchè in Italia tutto quello che riguarda i migranti è un fatto di sicurezza, in perfetta linea fascista adottata nei tempi bui della seconda guerra mondiale dove le questioni riguardanti le minoranze religiose, etniche e politiche erano gestite da struttture della sicurezza.

Il progetto prevede l'abbandono da parte del migrante del suolo italiano con la proposta di un progetto da realizzare nel proprio Paese d'Origine. Progetto che fino all'anno scorso veniva finanziato fino a 3 mila € e che oggi si è drasticamento ridotto a 1.300 €. La riduzione pare sia imputabile al maggiore afflusso di migranti, soprattutto quelli provenienti dalla Tunisia, e quindi ad una previsione di maggior utilizzo di questo strumento. Ma dietro questa parvenza di maggior opportunità per un ,aggior numero di migranti in raltà si cela a nostro avviso la menzogna ideologica in stile leghista di non regalare niente a nessuno figuriamoci ai migranti.

Mentre in altri Paesi questo è uno strumento valido per molti che vogliono tornare a casa, ad esempio l'Inghilterra e la Germania lo usano ampiamente, l'Inghilterra riesce a dare una opportunità di ritorno a circa 6 mila migranti l'anno da noi sono circa duecento i migranti che tornano a casa con una opportunità offerta dall'occidente.

Negli anni anche per il Rimpatrio Volontario c'è stato qualche cambiamento nel senso restrittivo, ad esempio con l'introduzione del pacchetto sicurezza del 2009, quando si voleva introdurre il reato di clandestinità, poi bloccato dalla Corte di Giustizia dell'UE, il progetto prima aperto anche agli irregolari ha fatto si che oggi l'accesso sia consentito solo ai regolari.

L'OMB è un punto di Sensibilizzazione all'interno della Rete Nirva, noi non crediamo che questo possa essere una vera opportunità per chi vuole tornare a casa ma crediamo invece che ci debbano essere degli strumenti che diano opportunità volontaria di ritorno da parte del migrante.

Ecco che oggi saremo nei casali a Raccontare di queste opportunità……

Gervasio

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.