Arresti tra gli imprenditori agricoli in Puglia. Implicati nella tratta degli schiavi a Nardò.

 Arresti tra gli imprenditori agricoli in Puglia. Implicati nella tratta degli schiavi a Nardò.

  Arrivano in Italia con la promessa di lavoro e si ritrovano nel girone infernale della tratta di mano d’opera.

 Gervasio Ungolo

23 maggio 2012

 

 Foto agosto 2

012 Masseria Boncuri (Nardò) CdiDAssMM – OMB

 

Oggi, 23 maggio i Ros dei Carabinieri di Lecce hanno effettuato 22 arresti tra imprenditori agricoli della provincia leccese e altri della Sicilia oltre che a immigrati compiacenti che gestivano il traffico delle braccia.

Le indagini coordinate dalla Dda di Lecce, con l’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Carlo Cazzella e dal sostituto procuratore Elsa Valeria Migliore hanno contestato agli arrestati le accuse  di associazione per delinquere, riduzione in schiavitù, tratta di persone, falso e favoreggiamento.

 

“Un grazie alle forze dell’ordine” arriva da Yvan Sagnet uno dei promotori nella scorsa estate dello sciopero dei braccianti contro i caporali e lo sfruttamento del lavoro da parte di imprenditori agricoli spregiudicati proprio nelle campagne di Nardò, continua: “è un grande evento quello che è avvenuto a riprova che lo sfruttamento nasce all’interno delle aziende agricole spesso con la complicità di immigrati compiacenti”.

Gli arresti avvengono nello stesso giorno in cui nella sede della Flai-CGIL Nazionale in via Leopoldo Serra si tiene la presentazione del progetto “Gli Invisibili delle Campagne di Raccolta” coordinato proprio da Ivan e che toccherà un po’ tutte le campagne della Puglia.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.