I Piccoli Paesini della Basilicata Soli nell’accoglienza. A Chiaromonte il Sindaco Scrive ad Alfano

I Piccoli Paesini della Basilicata Soli nell’accoglienza. A Chiaromonte il Sindaco Scrive ad Alfano.

Omb-FdG Gervasio Ungolo 11 ago.2015

dopo la visita dell rappresentante del Partito Radicale a Chiaromonte il sindaco Valentina Viola scrive al Ministro Angelino Alfano (ansa 10 ago.) per chiedere la riduzione del numero di immigrati accolti da 70 a 40. Nella stessa ha denunciato che si sono verificati episodi di disordine pubblico nel centro di prima accoglienza. Il modello dell’accoglienza tutta lucana scricchiola sotto il sole di agosto e mette a nudo la sua precarietà dovuta alla presenza centri di accoglienza con un numero troppo alto rispetto al modello dell’accoglienza diffusa e anche rispetto ai piccoli centri che costellano tutta la regione. Negli anni si è riusciti a sottacere il problema e solo alcuni episodi sono venuti fuori dalle pagine della cronaca locale. Un’accoglienza che ha guardato solo verso le strutture alberghiere, spesso fatiscenti o non utilizzate da anni, altre volte fuori dai centri abitati e senza servizi. Solo le dichiarazioni del governatore Marcello Pittella ha riportato la discussione sull’allargamento di questa accoglienza che con enfasi è stata accolta dalla stampa regionale come la gallina dalle uova d’oro, un’opportunità per questi piccoli centri, che sono anche in forte spopolamento, che hanno nell’accogliere i migranti in attesa di un permesso di soggiorno. Ed è questa attesa molte volte troppo lunga, l’incapacità da parte delle strutture a fornire risposte adeguate e la scarsa formazione degli operatori che molto spesso si trasforma in rabbia. Ai fatti di questi giorni purtroppo non abbiamo avuto altrettanti e adeguate dichiarazioni da parte  delle istituzioni se non il lasciar fare alle forze dell’ordine che oltre ad intervenire a calmare gli animi poco possono fare.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.